Perché non sappiamo (più) scrivere?

Scriviamo sempre di più al computer (e con il cellulare) e sempre di meno a mano. Tantomeno in corsivo. L’allarme è stato lanciato in particolare riguardo ai più giovani: il 20% degli studenti italiani è disgrafico, cioè ha difficoltà a esprimersi per iscritto (il disturbo riguarda nell’80% i maschi). Pare che i bambini di oggi […]

Leggi di più…

Perché oggi si scrive di più

Prima la maggior parte delle questioni si affrontavano di persona o, al massimo, al telefono. Oggi quasi nessuno si alza più per andare a discutere una questione con il collega nell’altro ufficio: gli manda un’e-mail. Quando si intercetta il capo alla macchinetta del caffè e gli si dice “Vorrei farti una proposta”, lui (più raramente […]

Leggi di più…

Perché scrivere serve a tutti

Quando vado nelle scuole, chiedo ai ragazzi quali sono secondo loro le professioni in cui la scrittura è protagonista. Giornalista, scrittore e professore saltano fuori subito. Poi li aiuto con copywriter, autore televisivo, ghost writer, sceneggiatore, pr (addetto/a alle pubbliche relazioni), web writer… La maggior parte di loro assume un’aria vaga, come se la scrittura […]

Leggi di più…

Scrivere un giallo: perché è una buona idea

A quasi ogni presentazione di giallisti, la domanda scatta spontanea: “Ma come si scrive un giallo?” Anche se sembra strano, è più facile scrivere un giallo che un romanzo di altro genere. Perché? Perché ha elementi e requisiti ben precisi. Conoscerli è già di per sé un ottimo piano di lavoro. E comunque scrivere un […]

Leggi di più…

A che cosa serve scrivere

Il primo obiettivo della scrittura è comunicare. Perciò comunichiamo via e-mail all’ufficio personale che il giorno dopo saremo in ferie o scriviamo un messaggio al marito per dirgli a che ora inizia il film che vogliamo andare a vedere al cinema. Ma si scrive anche per convincere qualcuno: a concederci un aumento o un finanziamento, […]

Leggi di più…

Scrivere in modo efficace: occhio al refuso

Prendiamo uno scontrino e notiamo che il nome della via è scritto così: Rembrant. Non vi sembra che manchi qualcosa? L’importante via commerciale ad alto scorrimento di Milano Ovest è dedicata al pittore olandese del 1600 Rembrandt. Ora, direte voi, che cosa mi importa che sullo scontrino della panetteria il nome sia giusto, quello che […]

Leggi di più…

Scrivendo romanzi si diventa ricchi?

Ni. In Italia, su 400mila libri pubblicati oltre 300mila l’anno scorso hanno venduto meno di 100 copie (la media è 185 a titolo), il 96% non arriva a mille e solo 20 superano le 100mila copie. Visto che, a spanne, l’autore guadagna 1-2 euro a copia venduta, i conti sono presto fatti. Pochi scrittori, anche […]

Leggi di più…

Scrivere un giallo: come trovare la storia giusta

Cronaca nera, vita vissuta, conversazioni in autobus, casi irrisolti del passato (cold case)… Uno scrittore usa tutto quello che gli capita sottomano. Poi lo rielabora con l’aiuto della fantasia (qualità indispensabile). Magicamente, tutto questo materiale si trasforma in qualcosa di nuovo e originale. Ulteriori utili consigli nei libri: Come scrivere un bestseller giallo e vivere […]

Leggi di più…

Giornalismo: la legge delle 5 W

Nel raccontare una storia e nel dare una notizia, bisogna ricordarsi delle 5 W, cioè rispondere a domande ben precise, dall’inglese who (chi), what (che cosa), when (quando), where (dove) e why (perché). Qualcuno aggiunge anche l’H di how (come). […]

Leggi di più…

Più che essere corretti conta essere chiari

Una signora delle pulizie entra nella casa in cui presta servizio e trova il bigliettino “Stirare camice”: che cosa deve fare? Questo è un test che faccio spesso nelle classi in cui parlo dei miei libri o tengo piccoli laboratori di scrittura. Dopo aver letto il biglietto, la maggior parte dei ragazzi dice di aver […]

Leggi di più…