Scrivere un giallo: quando far succedere il delitto?

La maestra Agatha Christie, in genere, faceva accadere il fattaccio mai prima di pagina 30. Gli autori di thriller americani lo piazzano a pagina 1. Nel primo caso, si ha la possibilità di presentare meglio personaggi e ambienti. Nel secondo, si aggancia subito l’attenzione del lettore.   […]

Leggi di più…

Giornalismo: gli aggettivi

L’aggettivo è uno degli elementi più insidiosi del discorso. Lo scrittore americano Mark Twain diceva: “Nel dubbio, toglietelo”. Un altro scrittore, il francese Charles Daudet, diceva invece: “Gli aggettivi devono essere amanti dei sostantivi, mai i loro coniugi legittimi”. Ciò significa che dobbiamo evitare abbinamenti abusati come: tema scottante, delitto efferato, guerra fratricida… Meglio scegliere […]

Leggi di più…

La storia: ma ci vuole proprio in un romanzo?

Eh, sì! Potete avere in mente personaggi intriganti, atmosfere suggestive, dialoghi ficcanti, ma se manca la storia, la trama, avete un problema. La storia è il motore del romanzo. Dovete far succedere qualcosa, che sia in grado di coinvolgere voi ancor prima che il lettore. “Scrivo le storie che vorrei leggere” ha dichiarato Donato Carrisi, […]

Leggi di più…

Scrivere un giallo: come scegliere il detective

Poliziotto, carabiniere, pm, medico legale: scontato? Sì, ma anche comodo. Un inquirente ha accesso alle prove, possiede competenze tecniche e sa come muoversi. Se a indagare è uno scrittore, un cuoco o una casalinga in teoria il giallo ha più pepe. Ma siamo credibili? Pensiamo a Jessica Fletcher, la Signora in giallo: non è un […]

Leggi di più…

Come trovare il proprio stile

Ci sono romanzi solo di trama, in cui conta soprattutto quello che succede. E ci sono romanzi in cui lo stile si impone come elemento principale. Se avete letto un romanzo di Rossana Campo o di Andrea Pinketts, avrete di certo notato l’unicità del loro stile. Se sentite dentro di voi un afflato, non abbiate […]

Leggi di più…

Giornalismo: la sintesi

I riassunti ce li insegnano a scuola. E anche nell’esame per diventare giornalisti, una delle prove è costituita dalla sintesi di un testo. Il giornalista ha i caratteri contati, perciò è importante essere il più sintetici possibile. Ma come ridurre un testo il più possibile? Lo si può asciugare, cioè alleggerire il più possibile di […]

Leggi di più…

Scrivere un giallo: come farlo sembrare già un film

Oggi un libro di intrattenimento si scrive come si scrive un film. Narrazione per immagini. No tempi morti. Colpi di scena a ripetizione. La struttura vuole una breve intro (in cui presentare l’eroe), svolgimento della trama punteggiato da continui motivi di interesse (omicidi, confessioni, fughe…), risoluzione dell’enigma e finalino. […]

Leggi di più…

Voglio scrivere un romanzo che venda, ma come faccio?

“Ci sono tre regole per scrivere un bestseller, peccato che non le conosca nessuno”. Insomma, la domanda è di quelle da un milione di dollari. E la risposta è impossibile. Nel suo libro La forza delle piccole idee. Minifesto per riappropriarsi del futuro, il futurologo svedese Magnus Lindkvist ridimensiona l’importanza delle ricette per il successo. […]

Leggi di più…

Scrivere un giallo: la difficile arte di disseminare gli indizi

Il giallo riuscito è quello in cui l’autore rispetta il patto con l’autore e lo mette nelle condizioni di arrivare alla risoluzione del mistero. E quello in cui il lettore, arrivato alla fine, dice: “Non ho trovato l’assassino, ma avrei potuto”. Fondamentale che chi legge abbia gli stessi elementi di chi indaga. Essenziale anche confondere […]

Leggi di più…

Giornalismo: come scoprire il limite

Il diritto di cronaca e il diritto alla privacy sono due elementi chiave da tenere presenti quando si parla di informazione. Il giornalista ha il diritto di raccontare e il cittadino ha quello di essere informato di questioni rilevanti e importanti. Ma ai diritti della collettività si frappone quello del singolo di veder tutelata la […]

Leggi di più…