La terza via fra linguaggio scritto e parlato.

Oggi, come già detto, comunichiamo per iscritto molto di più che in passato. Basti pensare a e-mail, post, articoli online, tweet, messaggi WhatsApp. Ma attenzione: i messaggini hanno l’immediatezza e la freschezza del parlato, ma (esattamente come una lettera cartacea) rimangono. Ergo: mai litigare o scrivere testi compromettenti via WhatsApp, perché lasciamo traccia di cose che magari non pensavamo davvero e mai ripeteremmo. O non vorremmo che fossero inoltrati a qualcun altro. I messaggini si prestano a equivoci, fraintendimenti; la loro velocità predispone ai refusi. Vanno quindi trattati con estrema cautela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.